lunedì 2 dicembre 2013

Recensione: MAKA ISNA (Alessandro Bucci)
"The Next Step / Maka Isna III"
DIGITAL ALBUM 2013 - autoprodotto




Interessante progetto edificato tra ambient music ed elettronica, messo in piedi nel 2005 dall'italiano Alessandro Bucci (in passato voce e co-fondatore degli Hell Baron's Wrath). Dopo il primo "Soundtrack for your Nightmares" (2007) e il successivo "Maka Isna II" (2009), il compositore ci rende partecipi del suo nuovo incubo intitolato "The Next Step / Maka Isna III" (mixato e masterizzato a Bologna). Intricato ed affascinante ensemble che racchiude le molteplici dissonanze ambientali costruite da questo talentuoso ragazzo. La costante metamorfosi della musica presente nel disco tende ad ampliare i confini di ciò che può essere considerato un viaggio attraverso l'instabilità mentale dell'uomo. Il lato positivo dell'opera è che il suono è chiaro e intenso, con determinate soluzioni capaci di rendere gradevole il principio alla base delle idee portate in musica. Sicuramente Bucci continuerà a perfezionare / ampliare la sua ricerca personale, nonostante abbia già raggiunto risultati pregevoli.
Lo dimostra sulla traccia di apertura "Open Wounds" (accoltellata da battiti tipici del trip-hop più sotterraneo), l'inquietante "Suspicious" (...che potrebbe essere adattata ad un film di David Lynch), "Learn from Errors", la cinica "Miusion Distought". Se questo è solo il presente, la futura direzione di MAKA ISNA è ormai ovvia! La proposta potrà ampliarsi in spazi ambientali sempre più complessi e ricercati.La bellezza di "The Next Step / Maka Isna III" è situata nella sua specifica dimensione. A volte alcuni validi progetti musicali ce li abbiamo in casa e non ce ne accorgiamo. Avanti così Alessandro. Un consiglio? Cercare di valorizzare la veste grafica. Un artwork differente avrebbe dato più impatto visivo all'insieme.

Contatti: makaisna.bandcamp.com - facebook.com/MakaIsna

TRACKLISTING: Open Wounds, Suspicious, Learn from Errors, Dramatic Paints, 01_05_1994, Miusion Distought, That's all or...are you a Phoenix?, You!


Nessun commento:

Posta un commento