venerdì 9 agosto 2013

Recensione: ZUGELLOS "Goathymns"
CD 2013 - autoprodotto




Musicalmente parlando lo svizzero Zügellos segue la direzione dettata dalla scena 'primitive black metal' e si potrebbe discutere a lungo sulla reale validità della sua proposta. Risultano prevedibili i riferimenti a gruppi come Darkthrone, Craft, Khold etc. I Brani sono tipicamente nello stile su citato, ovvero composizioni grezze e quadrate, quelle che molti di voi definiranno 'black' (nel senso stretto del termine...). Anche la prima ondata del 'crust' appare evidente! Probabilmente per questo motivo l'album verrà giudicato e contestualizzato in modo netto/deciso. Comunque credo che i veri fan del black metal debbano solo schiacciare play sul lettore per non sentirsi troppo smarriti leggendo le mie considerazioni. Quindi direi che sono pezzi creati con giusta cognizione, mantenuta salda alla vecchia tradizione nordica. La passione genuina del nostro trasmette emozioni discrete, tenendo viva la nera fiamma. La musica black, la sua energia primordiale, rappresenta queste caratteristiche, ed il progetto Zügellos ne è la conferma. "Goathymns" deve essere ascoltato nell'insieme , dal momento che ogni episodio della tracklist ha un'aura particolare e la struttura è coerente nel suo oscuro schema. Scavare in un solo brano, può non dire nulla. Bisogna far fluire tutta la durata per coinvolgere i vari sensi. Zügellos appare 'vero' pur non avvalendosi di un songwriting eccezionale. La cattiveria e la sporcizia bruciano a fasi alterne e ci si ritrova a dover ascoltare una sufficienza intenzionale amalgamata con 'il mestiere'. Qualcuno apprezzerà, altri meno. Resta il fatto che in giro c'è sicuramente di peggio. Date un ascolto a questo debut perché ne vale la pena.

Contatti: zuegellos.bandcamp.com

TRACKLISTING: Goathymn II, Corpsedrop, of Decay, Armageddon, Chaos, Empty Eyes, Perdition, Goatwar, Goathymn.


Nessun commento:

Posta un commento