martedì 13 agosto 2013

Recensione: REZINWOLF "Corruption Kingdom"
CD 2013 - killer metal records




Il background degli inglesi REZINWOLF (provenienti da Harwich cittadina della contea dell'Essex,) ruota intorno al thrash metal tecnico e veloce. Tutti i contenuti del debut album "Corruption Kingdom" hanno a che fare con questo genere musicale, costruito su precisi meccanismi metallici. Si, loro fanno thrash metal e, lo sanno fare ad alti livelli espressivi. Non c'è il bisogno di affibbiargli altre etichette inutili. I Testament sono senza ombra di dubbio la band dalla quale questi quattro musicisti prendono ispirazione per danneggiarci l'apparato uditivo. Fa un certo effetto ascoltarli a volume, anche perché la produzione pulita/panciuta
è azzeccata ed evidenzia perfettamente la prestazione dei nostri. Davvero interessante sentire tutte le canzoni del disco proprio perché sono ben suonate ed arrangiate. Vi daranno una bella sensazione. I Rezinwolf sanno prendere l'eredità dei vecchi mostri sacri ed è anche per questo motivo che difficilmente potranno essere ricordati a lungo (in futuro). Sono incazzati, motivati, duri, preparati e godono di una buona personalità. Queste caratteristiche, in qualche modo potranno aiutarli, quindi, farli conoscere meglio ai tantissimi seguaci/affezionati. Basterà? No, secondo il mio modesto parere. Pur essendo professionali, i Rezinwolf dovranno sempre sottomettersi alla volontà/attività longeva dei grandi nomi. Credo di essere stato abbastanza chiaro. Spesso, la perfezione può non bastare per risultare credibili. Comunque... ascoltate l'album e fatevi un'idea.

Contatti: facebook.com/rezinwolf

TRACKLISTING: Corruption Kingdom, Rage Against Us, Hail to Armageddon, Beyond the Rapture, Tomb of the Incarcerated, Flag Runs Red, To Arm the Rebels, Onset of Plagues, And Hell Followed With Him.


Nessun commento:

Posta un commento