martedì 20 agosto 2013

Recensione: ATARAXIE "L'Être et la Nausée"
2 CD 2013 - weird truth productions




Cinque anni, tanto è stato necessario per vedere il ritorno dei francesi ATARAXIE. "L'Être et la Nausée" porta una ventata di rinnovamento e, il tempo impiegato dal gruppo per comporlo ha giovato alla riuscita finale, diventando così la cosa migliore composta fino ad oggi: ciò, mi ha fatto capire che questi musicisti stanno facendo la cosa giusta. Resta intatto l'approccio dei nostri! Sono sempre gli Ataraxie! Funeral doom / death metal ben architettato / arrangiato e che preserva tutta la fisionomia monocromatica delle atmosfere. In natura non esistono sorgenti luminose perfettamente monocromatiche, ma gli Ataraxie riescono a rendere l'idea di come potrebbe essere qualcosa del genere. Si possono ascoltare tanti riff / dissonanze importanti su questo full-length che racchiude cinque tracce lunghissime (tranne "Etats d'Âme" e i suoi 3:04) ma non stancanti. Penso per esempio alla bellissima seconda traccia "Face The Loss Of Your Sanity", nella quale certi lamenti funebri tipici degli Incantation di John McEntee emergono implacabili. C'è da affermare che tutto l'andamento death metal manovrato dai quattro è molto vicino allo stile distruttivo dei newyorkesi (sia gli spartiti lenti che quelli veloci). La differenza sostanziale è che gli Ataraxie riescono ad iniettare nel proprio sound delle componenti caratteristiche, particolari, lontane dall'estremismo fine a se stesso. Ecco cosa li rende diversi e speciali. Non ci sono brani che apprezzo più degli altri proprio perché la lunghezza di ogni singolo fa la differenza. Quando ascolto un album voglio emozionarmi e "L'Être et la Nausée" riesce a coinvolgermi, trascinandomi lontano dalla realtà. Ataraxie: artefici di un oscuro capitolo. A molti di voi faranno l'effetto dell'eroina. Grande band! Disco ineccepibile!

Contatti: facebook.com/pages/Ataraxie/16996636490

TRACKLISTING: Procession of the Insane Ones, Face the Loss of Your Sanity, Etats d'Âme, Dread the Villains, Nausée.


Nessun commento:

Posta un commento